LATERIZIO FACCIA A VISTA
Produttori ANDIL Assolaterizi
   



Patologie e difetti - esecuzione   
Patologie e difetti - esecuzione
MACCHIE DI LAVORAZIONE, COLATURE DI LEGANTE


  »   EFFLORESCENZE
  »   PRESENZA DI UMIDITÀ
  »   MACCHIE DI LAVORAZIONE, COLATURE DI LEGANTE
  »   EFFETTI DEL GELO
  »   CEDIMENTI, CREPE, ROTTURE DEI MATTONI
  »   GIUNTI
  »   IRREGOLARITÀ FORMALI


Il muro faccia a vista può facilmente recare traccia di una lavorazione frettolosa o trascurata, sotto forma di macchie, schizzi, chiazzature. Bisogna che le maestranze seguano una serie di semplici ma importanti accorgimenti che impediscano che il muro sia sporco ancor prima di essere consegnato.

Prima di essere posati, i laterizi vanno bagnati con acqua pulita, in misura maggiore o minore, a seconda del tipo di mattone, per assicurare un buon legame con la malta di allettamento. È comunque preferibile usare malte premiscelate (estive o invernali) che permettono di posare con una bagnatura leggera. È fondamentale che chi li immerge in acqua non abbia le mani sporche di terra o di cemento: la terra potrebbe portare all’insorgere di efflorescenze; il cemento velerebbe i mattoni con una patina grigiastra difficile poi da rimuovere.

Quando si posano piattabande, archi o volte, è facile che la malta coli sul cassero: conviene disporre in corrispondenza di ogni giunto una strisciolina di gomma, spugna o legno che impedisca alla malta di fuoriuscire dal giunto.

La muratura fresca (in particolare i corsi sporgenti o la muratura sottostante i balconi, quando questi vengono intonacati) va riparata sia dalla pioggia, che dilava il legante dei giunti depositandolo sul muro, sia dagli schizzi di malta.

Su questo muro sono evidenti delle striature che corrispondono ai piani delle impalcature. Evidentemente, durante la costruzione, non si è avuta cura di proteggere il muro da schizzi e sporco; i successivi tentativi di pulizia hanno reso il danno definitivo, alterando l’aspetto di una parte della muratura.
Nella foto a lato si vede un edificio pregevole il cui aspetto è stato definitivamente compromesso da colature di calce non pulite a fresco. La loro rimozione con sostanze non appropriate può danneggiare altre parti dell'edifico, mentre il ricorso all'abrasione con un altro mattone o mediante sabbiatura, oltre ad essere molto costoso, rischia di cambiare l’aspetto della muratura in modo forse non accettabile e richiede, per uniformità, che questo trattamento venga esteso all’intero paramento murario.
Vistose colature di calce, difficili da rimuovere, dovute alla mancanza di un adeguato sistema di scarico inserito nella muratura durante il cantiere, prima della posa delle guaine impermeabilizzanti.
Il muro va pulito appena completato, senza attendere l’indurimento completo della malta, mediante stracci, spugne o spazzole morbide, rigorosamente puliti, e mai mediante spazzole in ferro od altri abrasivi, che modificano la superficie del mattone.

Un’esecuzione accurata non dovrebbe richiedere ulteriori pulizie del muro. Se il muro è talmente sporco da richiedere di essere lavato integralmente, questo si dovrà fare non pima di 28 giorni dalla posa. In tale circostanza, bisogna bagnare bene il muro prima di incominciare, per evitare che il legante del giunto venga disciolto dalla soluzione di lavaggio. Questa, inoltre, non deve essere troppo concentrata, altrimenti rischia di macchiare il mattone.